IL CORPO URBANO

STALKER TEATRO | Arte Transitiva 2014

presenta 
IL CORPO URBANO | focus #8

con 
Dario La Stella e Valentina Solinas / Senza Confini di Pelle
Francesca Cola / Volvon
Caterina Mochi Sismondi / blucinQue
Sofia Amelio
e A.S.D. Rhizai

24 > 31 maggio 2014
 Officine CAOS 
piazza Montale 18, Torino

Per l’ottavo focus della stagione Arte Transitiva 2014, le Officine CAOS di Torino ospitano, dal 24 al 31 maggio, quattro realtà torinesi attive nel campo della danza, della performance e del parkour con un articolato progetto di workshop, seminari e spettacoli sul “Corpo Urbano”.

«Nei dettagli di un mondo costruito ti puoi solo immergere con tutto il corpo e passarci in mezzo, sentire cosa quell’angolo sfiorato sussurra allo stipite sotto cui stai passando», scrive l’antropologo e architetto Franco La Cecla.

Sul terreno in cui l’architettura incontra l’antropologia, Senza Confini di Pelle, Volvon, blucinQue, Sofia Amelio e A.S.D. Rhizai propongono una ricerca sull’essere umano in relazione al contesto urbano. I corpi si calano nell’ambiente della città, esplorandone le architetture, scoprendone le potenzialità ludiche e creative, (re)imparando a muoversi con consapevolezza in una paesaggio tanto quotidiano da essere diventato sconosciuto.

Laboratori e riflessioni si alternano, passando in rassegna i nuovi modi di rapportarsi al contesto urbano, dalle performance in situ all’urban exploration fino al parkour.

Da sabato 24 a martedì 27 maggio si svolgerà il workshop, suddiviso in quattro sessioni condotte dalle compagnie e associazioni coinvolte. Con Caterina Mochi Sismondi e Elena Cavallo della compagnia blucinQue, i partecipanti affronteranno un training fisico-vocale basato sul metodo Feldenkrais, lavorando sul tema della “vertigine” come perdita dell’equilibrio e spiazzamento . Di spazio e corpo si occuperà Francesca Cola di Volvon, accompagnando i partecipanti in un’esplorazione – spaziale ma anche acustica – del quartiere Le Vallette e riflettendo sul concetto di “abbandono”.

Sarà invece un’introduzione alla disciplina del Parkour la sessione condotta da Sofia Amelio e dagli atleti dell’associazione torinese Rhizai, utile a sviluppare l’istinto e la creatività del movimento. Alle “Architetture in movimento” si dedicano infine Dario La Stella e Valentina Solinas di Senza Confini di Pelle, mettendo in pratica una metodologia di danza urbana già collaudata nell’ambito del progetto pluriennale ADD UP.

Mercoledì 28 maggio, dalle 15.00 alle 20.00, si terrà il seminario gratuito “Il corpo ludico della città”, condotto da Dario La Stella e introdotto da Gabriele Boccacini, direttore artistico di Stalker Teatro. Docenti universitari, ricercatori della performing art e architetti (Tiziana Monterisi, Cecilia Pennacini, Massimo Leone, Raffaella Ferrero Camoletto, Carlo Genova, Carlo Infante, Angelo Carchidi) discuteranno sulla relazione tra socialità e urbanizzazione, portando analisi teoriche e testimonianze di nuove pratiche per abitare e vivere il contesto urbano. Alle ore 19.30 è previsto un Walk Show a cura di Urban Experience.

Venerdì 30 e sabato 31 maggio, a partire dalle 20.00, si potrà infine assistere ai percorsi spettacolari, fuori e dentro gli spazi delle Officine CAOS, ideati dagli artisti e dagli atleti di Rhizai.

Ad accompagnare le performance, nella caffetteria delle Officine CAOS sarà inoltre allestita una mostra fotografica sulla tessitura di corpi e architetture a cura di Christian Fusco.

STALKER TEATRO | Arte Transitiva 2014
presenta 
IL CORPO URBANO | focus #8

con 
Dario La Stella e Valentina Solinas / Senza Confini di Pelle
Francesca Cola / Volvon
Caterina Mochi Sismondi / blucinQue
Sofia Amelio
e A.S.D. Rhizai

24 > 31 maggio 2014
 Officine CAOS 
piazza Montale 18, Torino

Per l’ottavo focus della stagione Arte Transitiva 2014, le Officine CAOS di Torino ospitano, dal 24 al 31 maggio, quattro realtà torinesi attive nel campo della danza, della performance e del parkour con un articolato progetto di workshop, seminari e spettacoli sul “Corpo Urbano”.

«Nei dettagli di un mondo costruito ti puoi solo immergere con tutto il corpo e passarci in mezzo, sentire cosa quell’angolo sfiorato sussurra allo stipite sotto cui stai passando», scrive l’antropologo e architetto Franco La Cecla.

Sul terreno in cui l’architettura incontra l’antropologia, Senza Confini di Pelle, Volvon, blucinQue, Sofia Amelio e A.S.D. Rhizai propongono una ricerca sull’essere umano in relazione al contesto urbano. I corpi si calano nell’ambiente della città, esplorandone le architetture, scoprendone le potenzialità ludiche e creative, (re)imparando a muoversi con consapevolezza in una paesaggio tanto quotidiano da essere diventato sconosciuto.

Laboratori e riflessioni si alternano, passando in rassegna i nuovi modi di rapportarsi al contesto urbano, dalle performance in situ all’urban exploration fino al parkour.

Da sabato 24 a martedì 27 maggio si svolgerà il workshop, suddiviso in quattro sessioni condotte dalle compagnie e associazioni coinvolte. Con Caterina Mochi Sismondi e Elena Cavallo della compagnia blucinQue, i partecipanti affronteranno un training fisico-vocale basato sul metodo Feldenkrais, lavorando sul tema della “vertigine” come perdita dell’equilibrio e spiazzamento . Di spazio e corpo si occuperà Francesca Cola di Volvon, accompagnando i partecipanti in un’esplorazione – spaziale ma anche acustica – del quartiere Le Vallette e riflettendo sul concetto di “abbandono”.

Sarà invece un’introduzione alla disciplina del Parkour la sessione condotta da Sofia Amelio e dagli atleti dell’associazione torinese Rhizai, utile a sviluppare l’istinto e la creatività del movimento. Alle “Architetture in movimento” si dedicano infine Dario La Stella e Valentina Solinas di Senza Confini di Pelle, mettendo in pratica una metodologia di danza urbana già collaudata nell’ambito del progetto pluriennale ADD UP.

Mercoledì 28 maggio, dalle 15.00 alle 20.00, si terrà il seminario gratuito “Il corpo ludico della città”, condotto da Dario La Stella e introdotto da Gabriele Boccacini, direttore artistico di Stalker Teatro. Docenti universitari, ricercatori della performing art e architetti (Tiziana Monterisi, Cecilia Pennacini, Massimo Leone, Raffaella Ferrero Camoletto, Carlo Genova, Carlo Infante, Angelo Carchidi) discuteranno sulla relazione tra socialità e urbanizzazione, portando analisi teoriche e testimonianze di nuove pratiche per abitare e vivere il contesto urbano. Alle ore 19.30 è previsto un Walk Show a cura di Urban Experience.

Venerdì 30 e sabato 31 maggio, a partire dalle 20.00, si potrà infine assistere ai percorsi spettacolari, fuori e dentro gli spazi delle Officine CAOS, ideati dagli artisti e dagli atleti di Rhizai.

Ad accompagnare le performance, nella caffetteria delle Officine CAOS sarà inoltre allestita una mostra fotografica sulla tessitura di corpi e architetture a cura di Christian Fusco.